Il portale ufficiale dedicato alla promozione e fruizione del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di diano e Alburni. La registrazione è gratuita, scopri i servizi e le opportunità.
 
 
 
 

Perdifumo

 84060
 
abitanti: 1798
superficie: 23kmq
area Parco: 23kmq
altezza slm: 415kmq
 
 
 
 
Dall’espressione latino-medievale pes de flumine (Piede di fiume), attraverso il dialettale “per-de-fiume”, è derivato il toponimo Perdifumo. Fu sede di uno dei più importanti cenobi del Cilento e sotto la protezione dei monaci, che assicuravano riparo da incursioni e calamità, si sviluppò il primo centro abitato, che in seguito si trasferì in un luogo più adatto alla coltivazione della terra. Le frazioni che costituiscono il paese sono Camella, Mercato e Vatolla che testimoniano antichi insediamenti romani, come dimostra la facciata della Chiesa di Santa Maria degli Angeli. Da visitare: i ruderi del Monastero di Sant’Arcangelo, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie e il Convento di Santa Maria della Pietà.
Il complesso montuoso che circonda il paese fu chiamato dai monaci bizantini Mons Coraci a causa dell’elevato numero di corvi che volteggiavano in cielo. Il filosofo Giambattista Vico dimorò nel Palazzo Vargas dal 1686 al 1695 e usava meditare sotto un secolare ulivo le cui fronde ancora oggi offrono la loro ombra ai passanti. La Fondazione Vico, sorta per salvaguardare e promuovere la figura del celebre filosofo, è sede della Biblioteca del Parco.
 
 
non ho trovato eventi
 Agriturismo
 Residenza Turistico Alberghiera
 Agriturismo
 Bed-Breakfast
 
 
social
iscrivimi  cancellami
 
 
Array ( [r] => territorio [id] => perdifumo [lan] => it ) 1bool(false)